Pappagalli nel mondo

Psittacella modesta

Pappagallo tigre modesto

Visite: 759
Psittacella modesta - Pappagallo tigre modesto
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenerePsittacella
SpeciePsittacella modesta
DistribuzionePacifico
Dimensioni14 cm circa
Età max20 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàPoco
Capacità parolaRaro
Alloggio minimoVoliera
CITESAppendice B
Caratteristiche

Questo pappagallino della Nuova Guinea rappresenta una delle due specie meno dimensionate di psittacella, avendo una taglia di circa quattordici centimetri. Rispetto alle taglie più grandi il pappagallino tigre modesto ha la testa di un bruno più scuro e diffuso e una tigratura nettamente meno marcata, localizzata praticamente soltanto sulla nuca. Sempre visibile il collare giallo sul lato del collo. Il piumaggio verde si schiarisce sull'addome tendendo al giallastro. Le ali verde oliva presentano il margine esterno scuro. Il becco è grigio piombo come le zampe, l'iride scura.
Questa specie si suddivide in tre sottospecie:
P.m. modesta, la specie di riferimento;
P.m. collaris, con i bordi del collare giallo piuttosto irregolari, colorazione rosso mattone sui lati della testa;
P.m. subcollaris, con il collare giallo più chiaro e sottile e la testa più scura;
Il pappagallo tigre modesto vive a quote piuttosto elevate (fino a 3000 metri) nelle foreste montane della Nuova Guinea orientale e ha una popolazione complessiva stimata intorno ai cinquantamila esemplari. Psittacide poco gregario, vive per lo più in coppia; è un pappagallino timido e silenzioso che tende a rimanere sempre al riparo nel fitto fogliame dove la sua mimetizzazione è perfetta. E' caratterizzato da un volo piuttosto lento.

Dimorfismo sessuale

La femmina presenta una tigratura più estesa: mentre nel maschio è limitata alla nuca nella femmina si estende su parte del dorso e del petto.

Ambiente naturale e distribuzione

Questo pappagallino è endemico della Papua Nuova Guinea occidentale.

Riproduzione

Le modalità riproduttive di questo pappagallo non sono note.

Alimentazione

La dieta naturale di questo piccolo psittacide è rappresentata da semi duri di varie piante, frutti, germoglie e bacche piuttosto dure.
In cattività la dieta di questo pappagallino tigrato può essere costituita da miscela di semi per amazzoni, legumi, pigne e pinoli di conifere, scarsa quantità di pastoncino per uccelli insettivori, macedonia di frutta e verdura carnosa.