Pappagalli nel mondo

Psittacella brehmii

Pappagallo tigre del Brehm

Visite: 883
Psittacella brehmii - Pappagallo tigre del Brehm
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenerePsittacella
SpeciePsittacella brehmii
DistribuzionePacifico
Dimensioni24 cm circa
Età max20 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàPoco
Capacità parolaRaro
Alloggio minimoVoliera
CITESAppendice B
Caratteristiche

Psittacide di circa 24 centimetri di taglia originario della Papua Nuova Guinea, che deve il proprio nome ad Alfred Brehm, un naturalista tedesco. La colorazione generale è verde, più scura superiormente e più tendente al giallo inferiormente. La testa ha una colorazione marrone con sfumature giallastre, quasi a costituire una sorta di cappuccio. A partire dalla nuca su tutto il dorso, sulle ali e sul groppone è presente la caratteristica ed inconfondibile tigratura, costituita dagli spessi bordi neri presenti sul piumaggio verde brillante. Al di sotto della zona auricolare è presente un collare giallo intenso. L'anello perioftalmico è assente, l'iride è arancione-rossa, il becco è grigio-bluastro chiaro e bianco ghiaccio verso l'estremità, le zampe grigie.
Questo pappagallo presenta quattro sottospecie:
P.b. brehmii, la specie di riferimento;
P.b. intermixta, di taglia maggiore e dalla colorazione più tendente al giallo;
P.b. harterti, degli altopiani a sud-est della Nuova Guinea;
P.b. pallida, della penisola di Huon, dalla taglia leggermente più piccola;
Questo pappagallo tigre vive nelle foreste di montagna, a quote comprese tra i 1800 ed i 3000 metri. Ama vivere appartato nel fogliame, ma spesso scende a terra in cerca di cibo. E' caratterizzato da un volo molto rapido e teso, ma raramente si spinge al di sopra della foresta. La popolazione attuale di questo psittacide si attesta intorno ai centomila individui.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale è riscontrabile nell'assenza del collare giallo nella femmina.

Ambiente naturale e distribuzione

Il pappagallo tigre del Brehm è endemico della Papua Nuova Guinea.

Riproduzione

Le abitudini riproduttive di questo pappagallo non sono note.

Alimentazione

L'alimentazione di questo psittacide è basata quasi esclusivamente sulle bacche dei cespugli del proprio habitat e su semi di varie specie vegetali delle montagne della Nuova Guinea. Ama gli steli e la frutta dell'albero Homalanthus populifolius e del Podocarpus.
In cattività il pappagallino tigrato può essere nutrito con miscela di semi per amazzoni, legumi cotti e germinati, pinoli e frutti di conifere, piccoli insetti (o modeste quantità di pastoncino per uccelli insettivori). Importante fornire una buona macedonia di frutta e verdura carnosa.