Pappagalli nel mondo

Polytelis alexandrae

Parrocchetto di Alessandra

Visite: 3119
Polytelis alexandrae - Parrocchetto di Alessandra
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenerePolytelis
SpeciePolytelis alexandrae
DistribuzionePacifico
Dimensioni45 cm circa
Età max30 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàMolto
Capacità parolaFrequente
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

Il polytelis alexandrae è un magnifico pappagallo che si distingue per la delicata bellezza e l'eccezionale lunghezza della coda (fino a 28-30 cm!!!), che porta le sue dimensioni totali a 45/46cm, pur non essendo la corporatura del volatile maggiore di quella degli altri polytelis. Il piumaggio dell'alexandrae è difficile da descrivere perchè presenta sfumature continue e delicate. Su tutto svetta il magnifico sottogola rosa. La testa è azzurra, ll dorso e le penne scapolari verde oliva. le copritrici alari primarie sono di un azzurro-viola molto marcato, il petto grigio-verde molto chiaro. Il becco è rosso corallo, le zampe di un rosa scuro. Il parrocchetto della Regina Alessandra abita le regioni centrali dell'Australia ed è una specie nomade, non amando sostare in un territorio specifico e tendendo a spostarsi in maniera apparentemente casuale, cosa che rende questo pappagallo difficilmente osservabile in maniera sistematica. In Australia è allevato con buon successo, mentre in Europa ed in NordAmerica è relativamente poco diffuso: nonostante ciò é forse uno dei pappagalli che è in grado di entrare maggiormente in confidenza con l'uomo verso il quale mostra molta disponibilità e desiderio di comunicare. E' un volatile che, una volta acclimatato, è in grado di resistere tranquillamente alle basse temperature invernali delle zone temperate del pianeta. Allo stato naturale questo uccello è solito posizionarsi sui rami degli alberi in modo molto aderente, ricordando l'atteggiamento di una lucertola che si riscalda al sole. Il calcolo del numero di individui esistenti attualmente in natura è molto incerto e dovrebbe essere compreso tra i 2000 e i 15000.

Dimorfismo sessuale

La femmina ha una colorazione generalmente più sbiadita del maschio, il becco tende ad un rosa scuro, la coda è più corta e l'azzurro intenso della testa nel maschio diventa grigio chiaro nella femmina.

Ambiente naturale e distribuzione

Questa specie di polytelis è diffusa nei territori centrali della parte occidentale del continente australiano.

Riproduzione

Il maschio corteggia la femmina allargando le ali, la coda e sollevando le piume della fronte. L'alexandrae è un uccello molto gregario, al punto di nidificare in colonia senza problemi. Il periodo riproduttivo va da settembre a gennaio, all'inizio della stagione delle piogge e viene effettuata un'unica covata. La femmina depone da 4 a 6 uova che vengono covate per circa 25 giorni. La femmina non mostra un'eccellente attitudine alla cova ed alla cura delle uova, e questo è l'unico ostacolo ad una facile riproduzione di questo volatile. Come accade per gli altri polytelis, anche questo pappagallo sarà aiutato nella riproduzione dal disporre di un nido a cassetta verticale decisamente profondo: 70cm di altezza, 30cm di larghezza e lunghezza, con un foro di entrata di 8/10cm.

Alimentazione

Allo stato di natura il parrocchetto di Alessandra ama cibarsi di fiori di eucalipto e di semi di erbe, con una particolare predilezione verso quelli della cosiddetta "erba porcospino". Anche i semi di erbe selvatiche come la Spinifex, la Danthonia bipartita e la Portulaca oleracea sono molto ricercati da questo parrocchetto. Ama molto anche nutrirsi di fiori dell'Acacia, della Casuarina e della Grevillea. Nell'allevamento in cattività è possibile proporgli una miscela di scagliola, miglio e girasole. Ama molto le spighe di panico e le noccioline frantumate. Oltre alla frutta matura adora gli spinaci ed il dente di leone.