Pappagalli nel mondo

Platycercus eximius

Rosella comune

Visite: 13596
Platycercus eximius - Rosella comune
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenerePlatycercus
SpeciePlatycercus eximius
DistribuzionePacifico
Dimensioni30 cm circa
Età max20 anni circa
RumorositàMinimo
AffettuositàNo
Capacità parolaRaro
Alloggio minimoVoliera
CITESAppendice B
Caratteristiche

Il platycercus eximius, o rosella comune, detta anche rosella orientale, è uno dei pappagalli più appariscenti grazie alla fantastica colorazione multicolore che non può lasciare indifferenti. Questo pappagallo presenta testa, petto e sottocoda rossi. Il sottogola e mento sono bianchi, le ali azzurre, il mantello picchiettato di giallo e di nero e zona addominale gialla sfumante in un verde pallido nella zona inferiore. Le remiganti primarie e secondarie sono nere con zona blu esterna, le remiganti terziarie e le ultime copritrici sono nere con bordo tra il giallo ed il verde. Tutte le copritrici alari sono di un acceso cobalto. L'anello perioftalmico è scuro e poco accentuato, l'iride è scura, il becco color osso chiaro, le zampe grigie.
Esistono tre sottospecie di questo psittacide:
P.e. eximius, che vive nel Nuovo Galles del sud;
P.e. ceciliae, nota come "rosella dal manto d'oro", è la sottospecie più appariscente con le parti gialli tendenti ad un magnifico giallo-oro, stanziale nelle regioni nord-orientali del Nuovo Galles del Sud ed in quelle sud orientali del Queensland;
P.e. diemenensis, che abita in Tasmania, caratterizzato da una taglia maggiore, da zone rosse più scure, brillanti ed estese e dal sottogola bianco.
In natura questo uccello vive nei boschi e nelle savane senza spingersi oltre i 1400 metri di altitudine. Forma grandi stormi di centinaia di individui, spesso associandosi ad altre specie come la rosella di Pennant o l'Alisterus scapularis. Spesso si può osservare nelle periferie delle città.
In cattività questo pappagallo necessita di spazi ampi, in quanto molto attivo ed in perenne movimento: soffre gravemente se non ha un minimo di 5 o 6 metri di spazio a sua completa disposizione. Ha un temperamento molto aggressivo, certamente il più battagliero ed intollerante fra gli psittacidi. Il maschio in particolar modo diventa estremamente aggressivo durante il periodo di isolamento della coppia e qualsiasi uccello fosse inserito nella medesima voliera di una coppia di roselle affiatata verrebbe velocemente ed inevitabilmente ucciso. Le roselle comuni non sono uccelli addomesticabili e dimostrano quasi sempre una totale indifferenza verso l'allevatore che le accudisce, senza affezionarsi; al contrario, permettersi delle confidenze con questo pappagallo può portare a dolorosissime beccate. L'allevamento in cattività è molto semplice, sia per la relativa facilità di riproduzione sia per la robustezza e la grande adattabilità di questo volatile anche a climi notevolmente rigidi, purchè dispongano di un rifugio dove ripararsi in caso di forte vento invernale. La diffusione di questo volatile è allo stesso tempo ostacolata dal suo carattere estremamente selvatico e facilitata dalla sua ineguagliabile bellezza. La popolazione attualmente esistente conta oltre mezzo milione di esemplari circa.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale di questa specie non è evidente: gli unici tratti significativamente diversi sono il cranio ed il becco meno dimensionato nella femmina rispetto al maschio. L'occhio della femmina è spesso bordato di piumine grigio-verdastre.

Ambiente naturale e distribuzione

La rosella comune vive prevalentemente nell'Australia sud-orientale, al di sotto del 32 parallelo, in Tasmania ed è stata introdotta anche in Nuova Zelanda.

Riproduzione

Le coppie di platycercus eximius si isolano dagli stormi nel momento della cova e si costruiscono il nido nelle cavità degli alberi. La stagione riproduttiva parte a settembre e termina a gennaio. In questo periodo la femmina depone da quattro fino a nove uova per una o due covate. Affinchè una coppia possa riprodursi con successo ha bisogno di voliere grandi e spaziose, non inferiori ai sei metri di lunghezza. Le coppie vanno formate con molta prudenza, lasciando ai soggetti la possibilità di conoscersi e familiarizzare in ambienti adiacenti ma separati. Il maschio infatti o accetta velocemente la compagna assegnatagli se la giudica di suo gradimento, altrimenti la aggredisce con esiti quasi sempre infausti. Ogni coppia di roselle comuni dovrebbe avere a disposizione due nidi, perchè la femmina può sentire l'esigenza di deporre una seconda covata mentre i piccoli della prima covata ancora non hanno abbandonato il nido. Il nido per questi pappagalli è la classica cassetta verticale con dimensioni di 25x25cm e 50 cm di altezza con foro d'entrata di almeno 8cm. E' opportuno inserire nel nido una piccola scaletta in modo che i genitori entrando non calpestino i pulli e le uova. La cova dura circa 21 giorni ed il maschio provvede a nutrire la femmina. I piccoli nascono ricoperti da piumino e si involano generalmente dopo 5 settimane. Finito tale periodo l'allevatore accorto provvederà a trasferirli in un altro ambiente, per evitare che il maschio li aggredisca riconoscendoli come potenziali rivali o che la femmina trascuri un'eventuale seconda covata.

Alimentazione

Allo stato di natura la rosella comune ha un'alimentazione basata in prevalenza su piante erbacee (graminacee, come la saggina, ed Urochloa panicoides). Inoltre si ciba di semi (acacia ed eucalipto), fiori, boccioli, bacche, nettare, polline, frutta e piccoli insetti (psillidi, coccidi e lepidotteri). E' stata notata la sua propensione a nutrirsi dei semi trovati tra gli escrementi del bestiame. In cattività va nutrita con la miscela di semi per pappagalli di media taglia (come le calopsite), basata su miglio, scagliola e semi di girasole, con l'aggiunta di canapa, avena e niger. Le si possono dare anche noccioline e pinoli, adora le spighe di panico. Oltre ai semi bisogna offrire a questa rosella legumi germinati, abbondante frutta matura, verdure a foglie verdi e rami non tossici che lei sbriciolerà letteralmente ingerendo pezzi di corteccia.

Photogallery

Rosella comune (Platycercus Eximius)
Segnala foto
Rosella orientale (platycercus eximius)
Segnala foto
Video

Eastern Rosella

Eastern Rosella (Platycercus eximius) in Australia drinking and bathing by Victorian Natives.

Pubblicato da Birds su Sabato 6 febbraio 2016