Pappagalli nel mondo

Pionus maximiliani

Pappagallo di Massimiliano

Visite: 2168
Pionus maximiliani - Pappagallo di Massimiliano
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenerePionus
SpeciePionus maximiliani
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni29 cm circa
Età max25 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàAbbastanza
Capacità parolaModerato
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

Il nome comune e scientifico di questo pappagallo deriva d un naturalista tedesco d'inizio 800, il principe Maximilian Alexander Philipp di Wied-Neuwied, che fu uno dei primi esploratori del sud-est del Brasile. La colorazione di base di questo pappagallo dalla taglia di quasi 30 centimetri è verde, con vertice e collare blu intenso, guance verde-giallo, zona auricolare verde intenso, petto e addome verde giallastro. Le ali di nuovo ali verde intenso, il sottocoda è rosso. L'iride scura, l'anello perioftalmico è grigio chiaro, il becco arancione-grigiastro, le zampe grigie.
Esistono quattro specie di pappagallo dell'imperatore Massimiliano:
P.m. maximiliani, la specie di riferimento;
P.m. melanoblepharus, del sud-est del Brasile, di dimensioni maggiori e colorazione più scura;
P.m. siy, del Brasile (Minas Gerais e Rio Grande), delle zone orientali del Paraguay e nord-orientali dell'Argentina, presenta la zona inferiore del corpo più pallida;
P.m. lacerus,presenta la zona inferiore del corpo più pallida e la colorazione blu del sottogola più scura ed estesa;
Il pionus maximiliani vive nelle foreste umide di pianura del continente sudamericano e nelle caatingas brasiliane fino a 1800-2000 metri di quota. Vive in prossimità dei fiumi, in stormi di massimo cinquanta individui. Questo pappagallo è di natura piuttosto tranquillo e timido. Allevato correttamente si rivela un volatile intelligente, fiducioso e curioso. E' anche relativamente poco rumoroso, ama soprattutto arrampicarsi e sgranocchiare rami freschi. Il becco è molto forte e la voliera che lo ospita deve tenerne conto

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale non è rilevabile all'osservazione.

Ambiente naturale e distribuzione

Il pionus maximiliani lo si ritrova a sud del bacino amazzonico, nel Brasile orientale e meridionale oltre che in Bolivia e nelle aree settentrionali dell'Argentina.

Riproduzione

La riproduzione di questi pappagalli in cattività non è facilissima, dato che necessitano di molta tranquillità. In natura la nidificazione avviene tra settembre e febbraio in alberi cavi ad oltre dieci metri di altezza. La femmina depone 3 o 4 uova, a distanza anche di tre o quattro giorni. La cova dura 25 o 26 giorni e i pullo lasciano il nido a 2 mesi. Lo svezzamento da parte dei genitori viene completato verso i tre mesi di vita.

Alimentazione

Il pionus maximiliani si nutre allo stato di natura principalmente di svariati semi (Dendropanax, Pourouma guianensis, Margaritaria nobilis) fiori, del mais delle piantagioni e da polpa di frutta, soprattutto guaiava. Ama molto anche le leguminose (in particolare l'Inga edulis), il cui consumo aumenta molto in coincidenza con il periodo riproduttivo, e soprattutto le noci di araucaria.
In cattività il pappagallo di Massimiliano va nutrito con miscela di semi per amazzoni, legumi (soprattutto durante la stagione riproduttiva, meno negli altri periodi), alimenti basati su polline e nettare, fiori, vegetali a foglia verde e macedonia di frutta (papaya, mango, fichi, guaiava).