Pappagalli nel mondo

Pionopsitta haematotis

Pappagallo a capo bruno

Visite: 1090
Pionopsitta haematotis - Pappagallo a capo bruno
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenerePionopsitta
SpeciePionopsitta haematotis
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni21 cm circa
Età max30 anni circa
RumorositàAbbastanza
AffettuositàPoco
Capacità parolaModerato
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

Pappagallo centramericano di taglia piccola (21cm), detto anche "pappagallo cappuccino", con colorazione di base verde, caratterizzato da un cappuccio bruno-marrone che si estende su guance e sottogola. Un segno rossiccio è presente appena sotto l'orecchio.Il petto è verde oliva, l'addome verde chiaro, le ali ed il dorso verde smeraldo. Le spalle sono blu e pure blu è il bordo esterno delle remiganti, che internamente sono nere. Sottoala e sottocoda sono azzurri. Segni rossi sono pure presenti sull'addome e l'attaccatura dei calzoni. Il becco è corneo, le zampe grigie.
Il pionopsitta haematotis è presente in due sottospecie:
P.h. haematotis, la specie di riferimento;
P.h. coccinicollaris, con il cappuccio bruno più esteso;
L'habitat del pionopsitta pyrilia è costituito dalle foreste umide pluviali dell'America Centrale dove solitamente vive ad altitudini non superiori a 1700 metri di altitudine, sebbene talvolta sia stato avvistato molto più in alto. Vive in coppia od in gruppi non troppo numerosi. In cattività è un pappagallo abbastanza raro, dato che non si ambienta facilmente.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale non è rilevabile.

Ambiente naturale e distribuzione

Il pappagallo capo bruno ha il proprio habitat a partire dal Messico meridionale, in particolare nel Chiapas e Oaxaca, per poi essere presente in tutti i sottostanti stati dell'America centrale.

Alimentazione

Il pappagallo cappuccino è uno psittacide prevalentemente frugivoro: in natura si nutre di fichi selvatici, banane, manghi, dei frutti del guarumbo (cecropsia obtusifolia), dei fruttini dell'arbusto Psittacanthus calyculatus, delle grosse bacche della Myrciaria floribunda, simili alle ciliegie.
In cattività può essere nutrito con miscela di semi per amazzoni, legumi e riso cotto, frutti delle palme, datteri, macedonia di frutta succosa (fichi, mango, guaiava, pesche). Si può integrare la sua dieta con alimenti vitaminici a base di nettare di fiori.

Photogallery

Pappagallo a capo bruno (Pionopsitta haematotis)
Segnala foto