Pappagalli nel mondo

Hapalopsittaca melanotis

Pappagallo ali nere

Visite: 771
Hapalopsittaca melanotis - Pappagallo ali nere
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereHapalopsittaca
SpecieHapalopsittaca melanotis
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni24 cm circa
Età max30 anni circa
RumorositàAbbastanza
AffettuositàNo
Capacità parolaModerato
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

Pappagallo sudamericano diffuso in Bolivia e Perù, dalla taglia di circa 24 centimetri, dalla livrea quasi completamente verde, vistosamente interrotta dallo spesso bordo esterno dell'ala completamente nero. L'estremità delle remiganti è blu. La testa ha una colorazione verde-azzurra che si estende fino alla nuca ed al sottogola, con una macchia nerastra in zona auricolare. La coda è verde con l'estremità delle timoniere blu. la parte inferiore del corpo appare di un verde più chiaro, tendente al giallastro. Il becco è grigio-bluastro, l'anello perioculare giallognolo di pelle nuda, l'iride arancione, le zampe sono grigio chiaro.
Il pappagallo ali nere si suddivide in due sottospecie:
H.m. melanotis, la specie di riferimento;
H.m. peruviana, con la testa completamente verde e la sfumatura azzurra che si conserva solamente in un collare;
L'hapalopsittaca melanotis vive nelle foreste di montagna, lungo le pendici delle Ande. La sottospecie peruviana vive tra i 2800 ed i 3500 metri di quota, mentre quella boliviana tra i 1500 ed i 2500. Questo pappagallo tende a vivere in stormi da trenta a cinquanta individui, e conduce vita prevalentemente arboricola, prediligendo alberi ad alto fusto con fogliame fitto, all'interno del quale si mimetizza perfettamente e risulta molto difficile da avvistare.

Dimorfismo sessuale

Non vi sono differenze tra maschio e femmina.

Ambiente naturale e distribuzione

Il pappagallo dalle ali nere vive in due aree distinte, sebbene piuttosto vicine: sulle pendici delle Ande in Bolivia, nelle vicinanze de La Paz, Santa Cruz e Cochabamba, e sulle Ande peruviane nella parte centrale del Perù, con concentrazione particolare nel grande Parco nazionale di Manu.

Riproduzione

Gli hapalopsittaca melanotia si riproducono in cavità di alberi, spesso precedentemente create da altri uccelli come il picchio. La femmina depone due uova che cova per un periodo compreso tra 26 a 28 giorni. I pulcini lasciano il nido verso i 50 giorni di vita.

Alimentazione

L'alimentazione di questo pappagallo è molto particolare, basata sui frutti di una particolare specie di vischio tropicale molto vitaminico, il gaiadendron, presente solamente nel suo habitat. Ciò spiega la grande difficoltà di mantenerlo in cattività, mancando in commercio un alimento specifico in grado di sostituire tali sostanze. Per bere questo pappagallo non scende verso le fonti d'acqua, ma approfitta dei serbatoi costituiti dalle piante bromeliacee direttamente sugli alberi.
In cattività questo hapalopsittaca può essere nutrito con miscela di semi per calopsite, macedonia di frutta e verdura ricca di bacche e di frutti di bosco, ed è consigliabile completare la dieta con integratori a base di nettare e polline.