Pappagalli nel mondo

Gypopsitta vulturina

Pappagallo vulturino

Visite: 1059
Gypopsitta vulturina - Pappagallo vulturino
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereGypopsitta
SpecieGypopsitta vulturina
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni23 cm circa
Età max15 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàPoco
Capacità parolaModerato
Alloggio minimoVoliera
CITESAppendice B
Caratteristiche

Il nome comune di questo pappagallo indica una qualche attinenza con l'avvoltoio, attinenza che ovviamente non riguarda forme e dimensioni ma solamente la distribuzione dei colori del piumaggio. La colorazione base di questo pappagallo è verde. la sommità della testa è nuda e ricoperta da sottili setole bruno-scuro con la maschera facciale anch'essa nerastri; questa colorazione si estende fin dietro l'occhio, ed è seguita da una corona-collare giallo intenso abbastanza spessa. Inferiormente a questa il piumaggio diventa di aspetto scaglioso, alternando piume dorate a piume nere. Tutte queste caratteristiche conferiscono a questo pappagallo un aspetto complessivo che ricorda appunto, seppur vagamente, quello dell'avvoltoio. Si ipotizza che la nudità della testa rappresenti un adattamento evolutivo dovuto all'alimentazione basata su grandi frutti succosi e fortemente appiccicosi. Le copritrici primarie sono rosso vivo, il sottocoda è giallastro. Le ali sono blu e verdi, con le remiganti con vessillo esterno nero. Il sottocoda e le cosce sono giallastre. L'iride è arancione, il becco arancione pallido con la punta scura. Le zampe sono grigie. Questo pappagallo vive preferibilmente nelle grandi foreste pluviali ed alluvionali amazzoniche.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale è praticamente assente.

Ambiente naturale e distribuzione

Il pappagallo vulturino abita il nord del Brasile, nel bacino del Rio delle Amazzoni. Il suo areale preciso si estende dal Rio Madeira fino a Maranhão.

Alimentazione

L'alimentazione è basata principalmente sulla frutta matura di cui sono ricchissimi gli alberi delle foreste amazzoniche. Purtroppo informazioni più precise e studi effettuati sulla dieta di questo pappagallo non sono al momento disponibili.