Pappagalli nel mondo

Forpus xanthops

Pappagallino faccia gialla

Visite: 1682
Forpus xanthops - Pappagallino faccia gialla
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereForpus
SpecieForpus xanthops
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni14 cm circa
Età max12 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàPoco
Capacità parolaFrequente
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

Questo forpus si differenzia abbastanza nettamente dai suoi congeneri per la taglia leggermente superiore (14cm), per la colorazione della faccia giallo limone ad una sottile fascetta blu dietro la regione oculare; inoltre il vertice e e la zona occipitale non presentano le tipiche tonalità azzurre. In comune con gli altri forpus ha la corporatura leggermente tozza dovuta alla coda corta. Le parti antero-inferiori del corpo sono giallo-verdi, le remiganti azzurre così come il groppone. Le timoniere sono verde brillante. Il becco appare leggermente più dimensionato rispetto agli altri forpus di colore giallo scuro. Le zampe sono bruno-rosate. Questo grazioso pappagallino frequenta prevalentemente la savana boscosa, gli spazi aperti e cespugliosi, dalla collina fino ad altitudini massime di 2000 metri. Vive in gruppi di massimo una trentina di esemplari, ma le abitudini di questo piccolo psittacide non sono molto ben conosciute, a causa dell'eccessiva localizzazione del suo areale. In cattività è molto raro, dal momento che le autorità peruviane ne proibiscono tassativamente la cattura e l'esportazione.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale si evidenzia per la presenza nella femmina di tonalità verdi a livello delle penne remiganti ed il groppone di una tonalità azzurra più chiara.

Ambiente naturale e distribuzione

Il forpus xanthops vive in areale molto ristretto, compreso in una specifica zona situata nel Perù settentrionale, più precisamente lungo la valle del Rio Maranon.

Riproduzione

La riproduzione avviene tra dicembre e febbraio, con la deposizione di 5 o 6 uova dentro la cavità di un albero, che la coppia provvede a tappezzare e rendere maggiormente confortevole con uno strato di legno finemente tritato.

Alimentazione

L'alimentazione di questo grazioso pappagallino si basa su diversi tipi di semi, germogli, bacche, frutta, erbe e perfino delle scaglie meno coriacee di corteccia degli alberi. In particolare apprezza semi e frutti dei cactus, i semi della Parkinsonia praecox, del Cercidium praecox, ed i fiori del Bombax.
In cattività va nutrito con miscela di semi per parrocchetti, legumi cotti o germinati, macedonia di frutta (mele, fichi, guaiave, fichi d'india) e verdura a foglia verde. Stagionalmente è opportuno fornirgli anche alimenti vitaminici a base di nettare.