Pappagalli nel mondo

Forpus sclateri

Pappagallino di Sclater

Visite: 1489
Forpus sclateri - Pappagallino di Sclater
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereForpus
SpecieForpus sclateri
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni13 cm circa
Età max12 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàPoco
Capacità parolaFrequente
Alloggio minimoVoliera
CITESAppendice B
Caratteristiche

Pappagallino di piccola taglia (13cm), detto anche "forpus modesto", con piumaggio generale verde, che presenta una marcata fascia blu lungo il margine dell'ala. Anche il groppone si presenta azzurro. Le zone superiori sono di verde sensibilmente più scuro rispetto a quelle inferiori, molto più chiare. Di una tonalità verde intermedia, ma comunque vivace ed appariscente, sono il vertice, la fronte, le guance e la gola. Il becco è completamente nero e ne consente la facile identificazione rispetto ad altri forpus. Esistono due sottospecie:
- F.s. sclateri, la specie di riferimento;
- F.s. eidos, dalla colorazione più chiara tendente al giallo verde nelle zone inferiori del corpo;
Di questo forpus non si sa moltissimo, solamente che abita la foresta equatoriale e pluviale e tende a mantenersi tra i 1000 ed i 1800 metri di quota.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale è evidenziato dall'assenza della fascia blu nella femmina. Inoltre fronte e redini sono tendenti al giallo.

Ambiente naturale e distribuzione

Questo pappagallino è piuttosto diffuso in natura ed è presente in un areale molto vasto. la specie di riferimento la si ritrova in Ecuador, in Colombia, nel nord-est del perù, nella zona nord-ovest del Brasile. La sottospecie eidos è localizzata in Colombia e in Venezuela, nelle Guyane e nel Brasile settentrionale..

Alimentazione

La dieta di questo forpus non si discosta da quella dei suoi congeneri: semi di erbacee (Scoparia, Croton, Hyptis), frutta dalla polpa morbida (Annona, Psidium), vegetali vari a foglia verde. Pur non essendo praticamente diffuso in cattività, il forpus sclateri va nutrito preparando una miscela di semi ottenuta mischiando in parti uguali mix di semi per parrocchetti (o calopsite) e mix per fringillicidi. Anche i legumi cotti e germinati sono proponibili, oltre ovviamente a macedonia di frutta e verdura. Tra la frutta sarebbe raccomandabile includere fico, guaiava, frutti di cactus e chirimoia.