Pappagalli nel mondo

Enicognathus leptorhynchus

Conuro becco lungo

Visite: 1153
Enicognathus leptorhynchus - Conuro becco lungo
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereEnicognathus
SpecieEnicognathus leptorhynchus
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni40 cm circa
Età max25 anni circa
RumorositàAbbastanza
AffettuositàAbbastanza
Capacità parolaRaro
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

Detto anche, e forse più propriamente, "conuro dal becco sottile", questo pappagallo di circa quaranta centimetri di taglia presenta una particolare conformazione del ramo superiore del becco, particolarmente lungo, sottile, appuntito e di colore grigio scuro-nero. La colorazione di base del piumaggio è il verde. la maschera facciale presenta una vistosa banda trasversale rosso vivo che unisce gli occhi arrivando a contatto con l'attaccatura del becco. La sommità della testa ha un aspetto a scaglie a causa della forte bordatura nera delle piume, bordatura che va diradandosi per poi scomparire verso la nuca. Anche le copritrici e remiganti delle ali, di colore verde chiaro, presentano un sottile effetto di bordatura nero. Anche sul ventre è presente una macchia rossa e la coda è interamente color rosso mattone. L'iride è arancione, l'anello perioftalmico bianco bordato di rosso, le zampe grigie.
Il conuro dal becco lungo vive nelle foreste di araucaria e notophagus delle regioni centrali del Cile, scendendo a livello del mare durante i rigidi inverni andini per poi risalire fino a 2000 metri di quota durante la stagione estiva. Tende ad aggregarsi in nutriti e chiassosi stormi. La costante deforestazione del suo habitat ha prodotto una notevole diminuzione del numero di questi pappagalli in natura.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale non è evidente, non essendovi differenze significative tra il maschio e la femmina.

Ambiente naturale e distribuzione

Questo pappagallo vive nella zona centrale del Cile, a partire da Santiago in direzione sud.

Riproduzione

L'enicognathus leptorhynchus vive e si riproduce pure in colonia. Il periodo riproduttivo inizia a novembre e si protrae fino a gennaio-febbraio. La nidificazione ha luogo nella cavità di un albero o in cavità fra le rocce, dove la femmina depone da quattro ad otto uova e le cova per 24 o 25 giorni.

Alimentazione

La dieta di questo uccello è basata principalmente sulle noci di araucaria, ma anche su fiori, bacche, frutta, germogli, semi di erbe selvatiche e radici. Fra i frutti e fiori delle piante la sua predilezione va all'araucaria ed al nothofagus. Il nome di questo pappagallo indica la particolare lunghezza del ramo superiore del becco, che rappresenta un adattamento evolutivo ai boschi di montagna che costituiscono il suo habitat prediletto: gran parte della sua dieta infatti è determinata dalla particolare capacità di questo conuro di scavare efficacemente le radici bulbari di cui è ghiotto nel suolo del sottobosco.
In cattività bisogna somministrargli un misto di semi per amazzoni, legumi cotti e germinati, mangime vitaminico a base di polline, macedonia di verdura a foglia verde. Questo conuro ha bisogno inoltre che la sua dieta venga integrata con pigne e frutti di conifere varie.

Photogallery

Conuro becco lungo (Enicognathus leptorhynchus)
Segnala foto