Pappagalli nel mondo

Cacatua haematuropygia

Cacatua delle Filippine

Visite: 1950
Cacatua haematuropygia - Cacatua delle Filippine
OrdinePsittaciformes
FamigliaCacatuidae
GenereCacatua
SpecieCacatua haematuropygia
DistribuzionePacifico
Dimensioni30 cm circa
Età max35 anni circa
RumorositàAbbastanza
AffettuositàMolto
Capacità parolaFrequente
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice A
Caratteristiche

Il nome scientifico di questo pappagallo indica la sua caratteristica più saliente, ossia il sottocoda rosso che contrasta vivamente con la colorazione bianco latte di tutto il resto del piumaggio. La taglia di questo psittacide si aggira intorno ai 30 centimetri. Il ciuffo erettile ha forma arrotondata ed è piuttosto corto. Il becco è grigio carne come le zampe, l'anello perioftalmico è nudo con la pelle leggermente bluastra. L'iride è scura. L'ambiente insulare in cui vive questo cacatua è costituito da foreste di mangrovie e foreste primarie di pianura. Questo cacatua ha la particolarità di non condividere con gli altri esponenti della sua famiglia l'estrema rumorosità. E' molto tranquillo ed i suoi richiami per nulla assordanti. Questo bellissimo pappagallo è stato purtroppo a lungo oggetto di cattura, soprattutto per la sua imprudente abitudine a nidificare quasi a livello del terreno, cosa che ha facilitato il prelievo dei pulcini dai nidi. La deforestazione delle isole Filippine ha peggiorato una situazione già compromessa e a tutt'oggi si calcola che in natura non ne esistano più di tre o quattromila esemplari superstiti. E' dunque a ragione inserito nell'appendice I CITES. La Fondazione Katala è un'organizzazione che nelle Filippine tutela la conservazione delle specie rare e sta combattendo una battaglia per evitare che a Palawan venga costruita una centrale elettrica a carbone che darebbe senz'altro il colpo di grazia definitivo a questa come ad altre specie animali.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale di questa specie è evidente solamente a livello dell'iride, scura nel maschio e tendente al rosso nella femmina.

Ambiente naturale e distribuzione

L'habitat di questo cacatua è costituito dall'arcipelago delle Filippine, ed in particolare dalla lunga e stretta isola di Palawan.

Riproduzione

Il periodo riproduttivo del cacatua delle Filippine inizia verso maggio. Il nido viene ricavato nei tronchi degli alberi morti a non troppa distanza dal suolo. La femmina depone un paio di uova che vengono covate per circa 25 giorni. I piccoli si involano dopo i due mesi di vita ma vengono accuditi dai genitori per un altro mese abbondante.

Alimentazione

Il cacatua haematuropygi si nutre di semi, frutti, fiori, germogli e nettare. Si tratta di un uccello molto adattabile e, nel momento in cui il suo habitat è stato invaso dall'uomo e dalle sue coltivazioni si è abituato a mangiare riso e mais, divenendo conseguentemente considerato un parassita e pertanto perseguitato dai coltivatori.
In cattività questo cacatua va alimentato con miscela di semi per calopsite, pastoncino per uccelli insettivori, riso e pasta bolliti, legumi cotti e germinati, pannocchia di mais e macedonia di frutta e verdura varia a foglia verde.

Photogallery

Cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Coppia di cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Cacatua delle Filippine (cacatua haematuropygia)
Segnala foto
Cacatua delle Filippine su un ramo (cacatua haematuropygia)
Segnala foto