Pappagalli nel mondo

Brotogeris jugularis

Pappagallino tovi

Visite: 1175
Brotogeris jugularis - Pappagallino tovi
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereBrotogeris
SpecieBrotogeris jugularis
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni18 cm circa
Età max20 anni circa
RumorositàAbbastanza
AffettuositàMolto
Capacità parolaFrequente
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

Questo pappagallino dalla taglia di 18 centimetri e dalla colorazione base verde è l'unico esponente del genere brotogeris ad essere presente anche in America centrale. Si distingue dai congeneri per la presenza di sfumature marroni sulle spalle e sulle copritrici alari, sfumature rossastre immediatamente sotto il becco e la colorazione arancione del sottoala, visibile unicamente in fase di volo. Le remiganti esterne sono blu. La coda appare piuttosto corta ed appuntita a causa della mancanza delle penne timoniere centrali. Il becco è arancione, l'anello perioftalmico bianco, l'iride marrone scuro, le zampe grigio-rosa.
Questa specie si suddivide in due sottospecie:
B.j. jugularis, la specie di riferimento;
B.j. exul, con piumaggio più scuro sul dorso;
L'habitat di questo pappagallo è costituito da un'ampia varietà di ambienti, data anche la notevole estensione della sua zona di distribuzione: savane alberate, savane aride, foreste primarie e foreste a galleria. Questo pappagallino vive in coppia durante il periodo riproduttivo e si riunisce in stormi numerosi, spesso in associazione con conuri pyrrhura, che si spostano con voli tesi, rapidi e rumorosi dal un albero all'altro.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale non è apprezzabile.

Ambiente naturale e distribuzione

L'areale di questo pappagallino si estende dal sud del Messico fino alle aree settentrionali della Colombia e del Venezuela.

Riproduzione

La nidificazione avviene nelle cavità degli alberi o nei nidi scavati dai picchi e successivamente abbandonati. La femmina depone quattro uova che cova per 22 o 23 giorni. I pulcini escono dal nido intorno alle sei settimane di vita.

Alimentazione

In natura il pappagallino tovi si ciba di semi, germogli, frutta di bosco, fichi selvatici, corteccia degli alberi, ma pure piccoli insetti e larve. Tra la frutta le sue preferenze vanno al Sapium glandulosum, alla Mangifera indica e ai frutti della palma Elaeis guineensis. Tra i semi predilige quelli dell'Avicennia germinans, della Ceiba asculifolia e della Cecropia. Come altri brotogeris tende a nutrirsi di nettare e polline dei fiori: in natura preferisce i fiori dell'anacardo, della Tabebuia rosea, della Senna.
In cattività il pappagallino tovi ha bisogno di una dieta basata su miscela di semi per calopsite, legumi bolliti e germinati, datteri e frutti di palma, macedonia di frutta e verdura con abbondanza di frutta succosa e morbida come il fico, la guaiava ed il mango. Sono consigliati anche alimenti basati sul nettare dei fiori per completare l'apporto vitaminico.

Photogallery

Pappagallino tovi (Brotogeris jugularis)
Segnala foto
Video