Pappagalli nel mondo

Anodorhynchus hyacintinus

Ara giacinto

Visite: 3000
Anodorhynchus hyacintinus - Ara giacinto
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereAnodorhynchus
SpecieAnodorhynchus hyacintinus
DistribuzioneSudamerica
Dimensioni105 cm circa
Età max80 anni circa
RumorositàAbbastanza
AffettuositàAbbastanza
Capacità parolaFrequente
Alloggio minimoVoliera
CITESAppendice A
Caratteristiche

Chiamato anche "ara blu", questo superbo pappagallo, che vanta la maggiore dimensione in lunghezza tra tutti gli psittaciformi, oltre un metro, presenta una meravigliosa colorazione di base blu, di una particolare tonalità che ricorda il fiore del giacinto selvatico, da cui riprende pertanto sia il nome scientifico che quello comune. Anche il peso è notevole, dato che un maschio adulto può arrivare a toccare i due chili. Tutto il piumaggio dell'ara giacinto è blu, tranne il sottoala ed il sottocoda in cui il blu si scurisce fino a diventare quasi nero. Lateralmente rispetto alla radice del becco sono presenti delle mezzelune gialle, e giallo intenso è pure il vistoso anello perioftalmico che circonda gli occhi singolarmente rotondi e dall'iride molto scura. Il becco dell'ara giacinto, color nero antracite, è un capolavoro dell'evoluzione e rappresenta probabilmente uno dei massimi esempi in cui forza e sensibilità si fondono per formare uno strumento unico in natura, in grado di stritolare senza problemi il guscio di una noce brasiliana come di manipolare con perfetta padronanza piccolissimi semi e sbucciarli con maestria. Eccellente arrampicatore, l'ara giacinto usa il becco, come la maggior parte dei pappagalli, con estrema abilità per aiutarsi nello spostamento da ramo a ramo, lo usa in maniera delicatissima con il compagno o compagna nel prodigargli cure parentali particolarmente affettuose. Le forti zampe sono grigio scuro.
Questo superbo psittacide vive preferibilmente ai margini delle foreste tropicali nel centro del continente sudamericano, ma lo si ritrova in ambienti abbastanza disparati. Comunissimo fino ad un secolo fa, oggi sopravvive purtroppo in non più di 3000 esemplari, nelle foreste di palme ma anche in zone acquitrinose come il celebre Pantanal. L'ara giacinto ama molto l'acqua ed è un ottimo volatore, in grado di raggiungere quote notevoli, anche se solitamente si limita a voli poco al di sopra della sommità degli alberi della foresta. Questo pappagallo vive in coppia o in piccoli gruppi di massimo dieci individui. E' attivo nelle prime ore del mattino e in quelle immediatamente precedenti il tramonto, riposandosi sui rami più alti degli alberi nelle calde ore centrali della giornata.
Le ara giacinto sono uccelli stanziali, salvo effettuare spostamenti legati alla ricerca di cibo nelle zone in cui maturano le palme. In cattività comincia ad essere piuttosto diffuso, grazie ad intelligenti programmi di allevamento e riproduzione.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale non è evidentissimo, tuttavia il maschio presenta una testa più dimensionata ed una maggiore robustezza generale.

Ambiente naturale e distribuzione

L'anodorhynchus hyacintinus è originario della parte centrale del Sudamerica, in corrispondenza del Mato Grosso, dove è presente una delle più grandi pianure alluvionali del mondo, il Pantanal, da molti considerato l'ecosistema con maggiore biodiversità del mondo. Un'altra popolazione la si ritrova nell'Amazzonia orientale, presso il Rio Tapajos. Infine una terza popolazione di ara giacinto è presente nel Brasile nord-orientale, nelle province della Bahia, del Maranhao e del Piauì.

Riproduzione

Le ara giacinto sono uccelli particolarmente monogami, ed il legame di coppia è molto sentito, tanto che il maschio e la femmina impiegano moltissimo del loro tempo in assidue ed attente cure parentali. la riproduzione si verifica tra agosto e dicembre. Date le dimensioni dell'uccello, il nido viene ricavato dentro grandi cavità negli alberi ma sovente pure in anfratti rocciosi. Il corteggiamento e l'accoppiamento sono molto intensi. la femmina depone solitamente due uova che vengono covate per circa 28 giorni. I piccoli fuoriescono dal nido verso i tre mesi, rimanendo però con i genitori fino a sei mesi. La maturità sessuale non viene raggiunta prima dei sei anni.

Alimentazione

L'alimentazione di questo grande psittacide, data la sua vita prevalentemente arboricola, è basta principalmente sulle noci e sulla frutta. La sua dieta è particolarmente specializzata verso i semi di due palmizi del Pantanal: L'Acrocomia aculeata, palma spinosa che produce frutti giallo-arancioni, di cui mangia l'endocarpo, tralasciando mesocarpo e ectocarpo, la Scheelea phalerata, di cui mangia l'endocarpo e i fruttini del licuri, grande palma endemica della caatinga brasiliana. In seconda istanza non disdegna i frutti della Mauritia flexuosa, un'altra grande palma. Anche i fichi selvatici non vengono risparmiati dalla golosità dell'ara giacinto, così come bacche, germogli ed infiorescenze. Anche piccoli insetti e molluschi acquatici non vengono disdegnati.
Allevando l'ara giacinto in cattività bisogna provvederle una buona miscela di semi specifica per le ara, legumi cotti, bolliti e germinati, frutta secca e possibilmente frutta delle palme. Inoltre macedonia di frutta energetica, come mango, papaya, cocco, ananas e platano, verdura a foglia verde, e alimenti speciali a base di polline e nettare per la completa integrazione vitaminica. Sarebbe raccomandabile fornire a questi pappagalli anche le noci di macadamia (Macadamia integrifolia e macadamia tetraphilla), alberi originari dell'Australia (Queensland) che producono appunto grosse noci tondeggianti dalle eccellenti qualità nutritive.

Photogallery

Ara giacinto (Anodorhynchus hyacintinus)
Segnala foto
Coppia di ara giacinto (Anodorhynchus hyacintinus)
Segnala foto
Coppia di ara giacinto (anodorhynchus hyacintinus)
Segnala foto
Esemplare di ara giacinto (anodorhynchus hyacintinus)
Segnala foto
Video

Ara giacinto (Anodorhynchus hyacinthinus)