Pappagalli nel mondo

Agapornis nigrigenis

Inseparabile a guance nere

Visite: 4936
Agapornis nigrigenis - Inseparabile a guance nere
OrdinePsittaciformes
FamigliaPsittacidae
GenereAgapornis
SpecieAgapornis nigrigenis
DistribuzioneAfroasiatica
Dimensioni14 cm circa
Età max14 anni circa
RumorositàPoco
AffettuositàPoco
Capacità parolaRaro
Alloggio minimoGabbia
CITESAppendice B
Caratteristiche

L'occhio inesperto facilmente confonde l'agapornis nigrigenis con il personata, da cui si differenzia per il fatto che mentre il personata presenta l'intero "cappuccio" di colore nero/scuro, nel nigrigenis l'area scura si localizza sulla regione anteriore/laterale del capo. Questo agapornis presenta fronte e vertice marrone/rossiccio, redini, regioni auricolari e guance nere e gola tendente all'arancione. Il resto del corpo è verde eccettuate le remiganti nere. Il becco è rosso corallo sbiadito alla base, con anello perioftalmico bianco. Le zampe sono bruno/chiaro. Vive abitualmente tra i 600 ed i 1000 metri di quota servendosi di spostamenti stagionali costanti, cosa che ne ha facilitato la cattura in epoche passate. Ama la vicinanza con fonti d'acqua. Vive in gruppi di 10/15 individui ai margini di foreste di acacia ed alberi di fico che costituiscono il suo cibo preferito. E' poco diffuso in cattività anche per la sua scarsa resistenza alle temperature rigide ed alla difficoltà di riproduzione legata al suo carattere timido e schivo. Nei mesi invernali alle nostre latitudini è bene alloggiare l'agapornis nigrigensis al coperto. La popolazione che vive attualmente in libertà conta all'incirca diecimila individui.

Dimorfismo sessuale

Non vi è dimorfismo evidente, eccettuate forse le dimensioni del becco, leggermente più pronunciate nella femmina.

Ambiente naturale e distribuzione

L'agapornis nigrigenis si trova all'interno di un perimetro piuttosto ristretto, corrispondente al corso del fiume Zambesi tra Livingstone e Senanga. Lo si ritrova nel parco nazionale Kafue e nella regione di Caprivi in Namibia.

Riproduzione

Come gli altri agapornis, anche il nigrigenis depone tra le 4 e le 6 uova, di forma allungata, quasi ellittica, con periodo di cova oscillante tra i 20 ed i 22 giorni. I piccoli lasciano il nido verso il mese e mezzo di vita. La riproduzione in cattività non è semplice dato che questo pappagallino non tollera facilmente la colonia e non si riproduce se disturbato dalla vicinanza di altri volatili chiassosi. Bisogna procurargli un nido a cassetta in legno a sviluppo orizzontale di 30x15x15cm con foro d'entrata laterale. Questo inseparabile tende a riempire il nido costruendo la camera di cova all'interno di una sorta di galleria ricavata nel materiale trasportato da lui stesso nel nido. Bisogna quindi mettergli a disposizione rametti, fogliame e bastoncini che i pappagallini possano utilizzare per allestire il proprio spazio riproduttivo.

Alimentazione

L'agapornis nigrigenis è granivoro e mangia miglio, scagliola e girasole. Ama le spighe di panico, accetta il niger, la canapa e l'avena, oltre ovviamente a frutta (in particolare i fichi) e verdura. Il girasole è bene somministrarlo con moderazione e solamente nella stagione fredda.

Una più approfondita disamina dell'alimentazione degli agapornis la si può trovare in questo articolo.